Romea strata

Come prepararsi al cammino

Consigli, raccomandazioni e informazioni utili per affrontare al meglio la tua esperienza di cammino!

Preparazione fisica

Dovresti iniziare l’allenamento qualche mese prima di intraprendere il pellegrinaggio a piedi, facendo, per esempio, delle camminate che aumenteranno gradualmente in tempo e difficoltà.
Programma le tappe in maniera personalizzata. Il cammino si deve adattare alle tue capacità fisiche e ai tuoi obiettivi. Dosa lo sforzo e segui il tuo ritmo.
Durante il cammino non trascurare i muscoli, in particolare i polpacci: gli esercizi di riscaldamento e stiramento muscolare devono essere costanti durante l’itinerario.

Informazioni tecnico-organizzative

Scegliere la stagione giusta: La Via Romea Strata attraversa 6 Regioni con ambienti, paesaggi e contesti differenti. Alcuni tratti della Romea Strata valicano tratti alpini e appenninici che nel periodo invernale possono essere chiusi o di difficile percorrenza. Quindi scegli con attenzione il periodo giusto nel quale camminare rispetto alla tua destinazione.
Se scegli la bicicletta, l’epoca ideale per farlo è agli inizi di settembre quando il clima è gradevole e le giornate ancora lunghe.

Personalizzare il programma: È necessario fare una pianificazione delle tappe che si adatti alle tue capacità fisiche: non prefiggerti obiettivi irreali e irremovibili. È importantissimo dosare lo sforzo e seguire ognuno il proprio ritmo, soprattutto se il pellegrinaggio è lungo e dura molti giorni. Tieni conto delle distanze tra le fermate e gli ostelli.
Se fai la Romea Strata in bicicletta controlla che le tappe non superino i 100 km.

Ospitalità: le possibilità di pernottamento sono indicate nel sito. è necessario avvisare del proprio passaggio. Annuncia sempre il tuo arrivo telefonando con anticipo, dai conferma giorno per giorno e non avere paura di disdire.

Segnaletica: la Via è dotata di segnaletica specifica ossia la freccia bianca con fondo marrone con la scritta Romea Strata e il suo logo. (foto: la freccia sarebbe bello “tagliarla” per averla senza sfondo…) In alcuni posti di particolare rilevanza, troverai anche delle bacheche di approfondimento che riportano il tracciato della Romea, una descrizione romanzata delle eccellenze del luogo e dei salmi biblici per accompagnare il cammino.
Ricordati che se ad un incrocio non vengono date indicazioni, bisogna restare sulla strada percorsa, proseguendo dritto.

Credenziale: Per la Romea Strata c’è la credenziale che ti identifica come pellegrino. Similmente agli altri cammini il possesso della credenziale può dare accesso ad ospitalità altrimenti non fruibili o a prezzi calmierati. La credenziale va richiesta con un certo anticipo alla Fondazione Homo Viator – San Teobaldo.

Punti di interesse: numerose sono le chiese e i punti di interesse che si possono incontrare lungo la Via Romea Strata e sono quasi tutte visitabili, tuttavia ti invitiamo a informarti e rivolgerti telefonando per tempo ai custodi o ai parroci di riferimento. I relativi contatti sono disponibili nel sito, nella scheda informativa del relativo punto di interesse.

Per qualsiasi altra informazione contattaci telefonicamente allo 0444 327146 o via mail a info@romeastrata.it

Equipaggiamento

Lo zaino: Lo zaino sarà il tuo compagno di viaggio che ti porterai sulle spalle per tutto il Cammino; per questo è bene prepararlo con molta cura ed attenzione riponendovi solo oggetti utili ed indispensabili per avere così un peso basso e occupare poco volume.
La lista che proponiamo vuol essere solo un suggerimento sia per chi ha già esperienza di cammino sia per coloro che ne hanno poca.

Le calzature: non devono mai essere nuove! Al contrario il piede deve essere abituato a indossarle. Premesso che ogni fondo stradale e superficie richiede la sua scarpa, per i sentieri sono consigliati gli scarponcini. Le migliori sono scarponcini da trekking o da montagna, preferibilmente con suola dura. Se non sai cosa acquistare, abbiamo ideato le calzature perfette per la Romea Strata. Porta, inoltre, sandali o ciabatte per i momenti di riposo.

Per camminare: gli strumenti di supporto principali del pellegrino sono i bastoncini da escursionismo regolabili, o il bordone (bastone in legno), e la lampada frontale con pile di scorta. Fai in modo di avere sempre con te qualcosa da mangiare e la borraccia per l’acqua. L’alimentazione deve essere leggera, e devi mantenerti sempre ben idratato: devi ingerire liquidi prima, durante e dopo la camminata! Per la stagione fredda può essere utile un termos per bevande calde.

Kit di pronto soccorso: non dimenticare mai un piccolo kit con tutto l’indispensabile per la cura dei piedi e la protezione della pelle. Ginocchia, tendini e piedi sono i nostri punti deboli.
Quindi, oltre ai farmaci personali prescritti del medico e a quelli salvavita per gli allergici, fai il carico di: guanti, bustine disinfettanti, garze, cerotti generici e cerotti specifici per le vesciche, ghiaccio pronto all’uso, forbicine, crema solare e idratante, analgesici per il dolore, pomate antinfiammatorie, fasciature compressive, repellente per insetti.

Guida e gps: un aiuto fondamentale sia per la pianificazione del viaggio che durante il cammino è avere a portata di mano una guida cartacea della Via Romea Strata. Che tu scelga di percorrere la Romea Strata a piedi o in bicicletta, procurati la guida per studiare le tappe e i luoghi da non perdere! Il GPS è un ottimo alleato che ti permetterà di concentrarti di più sulla natura circostante che sulla strada da seguire.

Preparazione interiore

Mettersi in cammino significa assumere una dimensione interiore di silenzio, di un più stretto rapporto con sé stessi in modo da farsi pellegrini dando ai propri passi una precisa motivazione.
Il cammino va assimilato interiormente perché non è solo una prova fisica.
Preparati a non aver paura di te stesso, perché è te stesso che conoscerai in questa esperienza: accogli le sorprese e apriti alle novità che scoprirai.
Sii disponibile a farti plasmare da chi e da che cosa incontrerai lungo il cammino.
Il cammino può essere un momento di rinascita e riscoperta sotto vari punti di vista, compreso quello spirituale. Se desideri un vademecum che ti accompagni anche in questa dimensione, il taccuino luminoso ti sarà d’aiuto.

L’arrivo a Roma

Il cammino si conclude a Roma, cosa vedere, cosa fare e come ritirare il testimonium

L’arrivo a Roma

Il cammino si conclude a Roma, cosa vedere, cosa fare e come ritirare il testimonium

Iscriviti alla nostra newsletter!

Ti invieremo aggiornamenti sul cammino, news ed eventi che ti faranno conoscere la Romea sia che tu decida di percorrerla tutta, fare solo qualche tappa o innamorartene attraverso i nostri racconti.