Partito il nuovo progetto europeo “rurAllure”

Prende ufficialmente il via il nuovo progetto Horizon2020 sul patrimonio culturale

Il progetto europeo “rurAllure: promozione di musei e siti del patrimonio rurale nelle vicinanze di percorsi di pellegrinaggio europei” è stato ufficialmente lanciato l’11-13 gennaio 2021 durante l’incontro inaugurale.

Questo progetto innovativo Horizon2020 promuove la cooperazione culturale e il turismo sostenibile in prossimità degli storici itinerari di pellegrinaggio europei – Le Vie di San Giacomo, le Vie di pellegrinaggio a Roma, il percorso di San Olav in Scandinavia e il Cammino di Maria. RurAllure sfrutta lo stato dell’arte delle tecnologie dell’informazione per promuovere i musei rurali e il patrimonio. Migliora la simbiosi tra ambiente rurale e percorsi per arricchire l’esperienza dei turisti con il vasto patrimonio culturale che spesso passa inosservato.

L’incontro di 3 giorni, che si è svolto on-line, ha riunito partner di progetto e associati sotto la guida dell’Università di Vigo. Hinano Spreafico, rappresentante dell’Agenzia esecutiva per la ricerca della Commissione europea, ha accolto con favore tutti i partecipanti e ha sottolineato l’importanza della cooperazione e dell’innovazione nel settore del patrimonio e del turismo.

15 organizzazioni e istituti di ricerca europei all’avanguardia lavoreranno su strategie comuni e svilupperanno i progetti pilota, ciascuno incentrato su un particolare tipo di patrimonio lungo un itinerario di pellegrinaggio. La ricerca sulle Vie di San Giacomo sarà incentrata sul patrimonio letterario e sarà gestita dalla Fondazione Uxío Novoneyra, dal Comune di Vila do Conde, dall’Università Autonoma di Madrid (ES) e dall’Università di A Coruña.
Il progetto pilota guidato dall’Università di Bologna farà ricerca sul patrimonio termale lungo i percorsi di pellegrinaggio verso Roma (Via Francigena, Via Romea Strata e Via Romea Germanica) insieme all’Università di Padova e Venezia, all’Associazione Europea delle Vie Francigene e alla Fondazione Homo Viator – San Teobaldo.
Il percorso di San Olav in Norvegia sarà studiato da una prospettiva etnografica dall’Università Norvegese di Scienza e Tecnologia.
Il patrimonio naturale del Cammino di Maria, un percorso che attraversa l’Ungheria, la Slovacchia e la Romania, sarà studiato dall’Agenzia governativa per lo sviluppo dell’informatica, dall’Associazione Mary Road Public Benefit, dall’Università tecnica slovacca e dall’Università Comenius di Bratislava.

Durante la riunione di 3 giorni è stata presentata la panoramica del progetto, nonché le descrizioni dei progetti pilota e i contributi dei partner. I partecipanti hanno anche avuto la possibilità di conoscersi e presentare le attività delle loro organizzazioni.

Insieme con l’Università di Vigo, gli altri partner rurAllure sono: GVAM Guías Interactivas S.L. (ES), Universidad Autónoma de Madrid (ES), Fundación Uxío Novoneyra (ES), Universidade da Coruña (ES), Câmara Municipal de Vila do Conde (PT), Kormányzati Informatikai Fejlesztési Ügynökség (HU), Mária Út Közhasznú Egyesület (HU), Comenius University di Bratislava (SK), Slovak University of Technology di Bratislava (SK), Università degli Studi di Padova (IT), Fondazione Homo Viator – San Teobaldo (IT), Associazione Europea Vie Francigene (IT), Università degli Studi di Bologna (IT), Università norvegese delle scienze e della tecnologia (NO).

Ulteriori informazioni sul progetto sono disponibili su www.rurallure.eu, dove saranno pubblicati anche i futuri risultati del progetto. Per ulteriori informazioni: contact@rurallure.eu

Iscriviti alla nostra newsletter!

Ti invieremo aggiornamenti sul cammino, news ed eventi che ti faranno conoscere la Romea sia che tu decida di percorrerla tutta, fare solo qualche tappa o innamorartene attraverso i nostri racconti.