LA ROMEA STRATA

Il Cammino più a est d’Europa

Al Pilgrimage Promotion Tour 2022 sono rappresentati tutti gli stati attraversati da quest’antica via

L’evento, che si è concluso a Roma a fine giugno, è stato promosso da AERS, Associazione Europea Romea Strata

Alla scoperta dell’Europa a piedi, percorrendo antiche strade dove sono passati mercanti, pellegrini, santi e briganti, per riscoprire le origini del nostro continente. Un viaggio con lentezza da fare per le più svariate ragioni, ma che emana un fascino irresistibile e un misticismo unico.
La Romea Strata, il cammino più a est d’Europa, tra i più lunghi e meno conosciuti, è dallo scorso anno il protagonista del Pilgrimage Promotion Tour, un percorso promozionale, in tre edizioni, per riscoprire e valorizzare il Cammino che parte da Tallinn, in Estonia, e arriva fino a Roma.

La Romea Strata non è una ricchezza solo italiana, ma un patrimonio comune a ben sette stati europei, l’Estonia, la Lettonia, la Lituania, la Polonia, la Repubblica Ceca, l’Austria e l’Italia. Il
percorso di quest’anno sul territorio italiano costituisce la seconda edizione. Nel 2021 è stata percorsa la via da Cracovia, in Polonia, ad Aquileia; nel 2023, si partirà da Tallinn per arrivare a
Cracovia.

Le Tappe Italiane 2022

Il 14 maggio da Aquileia, in Friuli-Venezia Giulia, è iniziato il Pilgrimage Promotion Tour 2022 che si è concluso a Roma il 27 giugno. Il grande evento è stato promosso dall’Associazione Europea Romea Strata (AERS), con la Fondazione Homo Viator-San Teobaldo di Vicenza, che ha l’obiettivo di promuovere e valorizzare la via di cultura e fede Romea Strata. L’itinerario italiano prevede 800 chilometri in 44 tappe, sul cammino principale di questa antica via che, nella sua totalità, va dal mar Baltico alla capitale italiana della cristianità. Don Raimondo Sinibaldi, presidente AERS e Fondazione Homo Viator-San Teobaldo di Vicenza, nonché principale fautore di questo progetto promozionale spiega: «Il PPT è un’iniziativa che vuole testare, rodare il percorso della Romea Strata. Come Fondazione Homo Viator-San Teobaldo abbiamo riscoperto, mappato e georeferenziato quest’antica via di fede. Ora si tratta di “animarla”.
Ci sono già stati dei singoli e dei gruppi di pellegrini che ne hanno percorso dei tratti, ma il PPT è un grande evento organizzato che vuole portare sulla via molta più gente. Ecco perché stiamo coinvolgendo nel progetto associazioni laiche ed ecclesiali, gruppi giovanili, italiani, ma anche provenienti dagli Stati europei dove Romea Strata passa. Tutto questo grazie al supporto delle realtà del territorio, da quelle istituzionali, a quelle ecclesiali, alle accoglienze/ristori. Romea Strata non è solo un cammino – fruibile a piedi e in bicicletta -, ma è anche la riscoperta di zone poco frequentate dal turismo tradizionale. Ricalcare le orme degli antichi pellegrini significa anche avere la possibilità di conoscere un grande patrimonio culturale, perché lungo il suo cammino si trovano chiese, pievi, antichi monasteri, musei… Ed anche spirituale, perché custodisce la memoria di figure di grande santità, come sant’Antonio a Padova, san Marco a Venezia, San Giacomo a Pistoia, e tante altre».

Un percorso in bicicletta
Ma il cammino non è solo per pellegrini e camminatori provetti, anche i cicloturisti possono percorrere la Romea Strata in bicicletta, scoprendo la sua bellezza sulle due ruote. La rete che la
Fondazione Homo Viator-San Teobaldo ha costituito, mettendo insieme realtà istituzionali, ecclesiali, le accoglienze/ristori. Protagonisti del PPT sono anche i volontari, che guidano i gruppi di
pellegrini nei vari tratti di percorso.

L’extra mile
L’iniziativa si è conclusa il 27 giugno a Roma, meta fondamentale per i pellegrini, poiché custodisce le tombe dei santi Pietro e Paolo. I pellegrini sono stati accolti sul sagrato della Basilica di San Pietro, dal Parroco della Basilica stessa, Padre Agnello Stoia.
Ma, come ogni buon cammino che si rispetti, anche la Romea Strata ha il suo “Fenesterre” cioè quella meta extra che dentro la stessa Roma porta a scoprire le 7 Chiese che rappresentano i 7 Stati protagonisti della Romea Strata. Un percorso artistico, spirituale e culturale lontano dai monumenti più famosi della Città Eterna, tra le sue stradine e le sue vie più recondite. L’evento si è concluso ufficialmente con la presentazione del Pilgrimage Promotion Tour 2022 presso l’Istituto Maria Bambina, in Vaticano dove sono intervenuti tra gli altri: Aleksandra
Valkenburg-Roelofs, Ambasciatore dell’Unione Europea presso la Santa Sede
di cui citiamo: “Romea Strata fornisce il suo prezioso contributo nel rafforzare il senso di appartenenza all’Unione Europea e promuovendo il suo patrimonio artistico-culturale. Questo lavoro, insieme ad altri progetti quali l’Iter Europaeum, (www.itereuropaeum.eu), contribuisce a rafforzare il senso di appartenenza all’Unione Europea, per un futuro sempre più solido. I Pellegrini, provenienti dai diversi paesi europei, invitano tutti noi a riflettere sulla propria umanità, sintetizzando in modo chiaro e lampante il motto dell’UE : uniti nella diversità.”
L’Assessore regionale Barbara Zilli in rappresentanza di Massimiliano Fedriga, presidente della Regione Autonoma Friuli-Venezia Giulia, capofila delle sette regioni italiane attraversate dalla via Romea Strata; monsignor Maurizio Bravi, rappresentante della Santa Sede presso l’Organizzazione mondiale del turismo e presso l’Istituto Europeo degli Itinerari Culturali: “Si conclude a Roma il secondo Pellegrinaggio di promozione della Romea Strata. La scelta della Città Eterna è stata quanto mai indovinata: è la meta finale della Via Romea Strata e introduce questo cammino a guardare all’anno 2025, Anno Santo. Auguro che lo sviluppo futuro della Romea Strata possa avvenire sotto i buoni auspici di questo evento straordinario della cristianità e che possa essere un invito a tutti gli uomini e le donne di buona volontà a …. mettersi in cammino! Insieme! Con lo sguardo a Roma e ai fratelli e sorelle di viaggio, animati dalla speranza del miglior bene per il mondo”; e infine Aleksandra Grbic, coordinatrice di Romea Strata: “La maturità della Romea Strata si percepisce dalla bellezza e dall’energia che i partecipanti di tutti i paesi hanno condiviso anche in questa ultima esperienza del Pilgrimage Promotion Tour. Siamo sulla strada giusta e, nonostante tutte le difficoltà
del nostro particolare periodo storico, possiamo solo continuare a crescere. Insieme.”

La fine e l’inizio
Il 29 giugno, solennità dei santi Pietro e Paolo, il PPT 2022 si è concluso con l’Angelus, durante il quale il Papa Francesco ha salutato i pellegrini arrivati a Roma percorrendo la via Romea Strata sulle orme di quanti nei secoli passati hanno voluto raggiungere la capitale mondiale della cristianità.
Questa afosa mattinata di fine giugno ha segnato quindi la fine dell’edizione 2022 de Pilgrimage Promotion Tour, ma anche l’inizio della promozione di questo incredibile “Cammino” per i prossimi anni! Promozione che va in parallelo con il motto dell’anno giubilare 2025: “pellegrini di speranza”.
Parole, queste, con cui la Chiesa si prepara al Giubileo in cui la Città Eterna ne sarà il cuore geografico.

Silvia Donatiello

THE ROMEA STRATA
The Eastermost Path of Europe

All the states crossed by this ancient road are represented at the Pilgrimage Promotion Tour 2022
The event, which ended in Rome at the end of June, was promoted by AERS, the European Association Romea Strata

Discovering Europe on foot, along ancient roads where merchants, pilgrims, saints and brigands have passed, means also to rediscover the origins of our continent. A slow journey to be made for the most varied reasons, but which emanates an irresistible charm and a unique mysticism.
The Via Romea Strata, the easternmost path in Europe, one of the longest and least known route, since last year it has been the protagonist of the Pilgrimage Promotion Tour, a promotional event and journet, that in three editions, once per year, is created to rediscover and enhance the pilgrimage that starts from Tallinn , in Estonia, and reaches Rome.
The Via Romea Strata is not only an Italian treasure, but a common heritage shared by seven European countries: Estonia, Latvia, Lithuania, Poland, Czech Republic, Austria, and Italy. The itinerary of this year, along the Italian territory, constitutes the second stage of the Pilgrimage Promotion Tour. In 2021, the first stage covered the road going from Krakow, Poland, to Aquileia; in2023, the third stage will cover the route from Tallinn to Krakow.

The Italian Steps 2022
On May 14, the Pilgrimage Promotion Tour 2022 started in Aquileia, in Friuli-Venezia Giulia, and ended in Rome on June 27. The great event was promoted by the European Association Romea Strata (AERS), in collaboration with the Homo Viator-San Teobaldo Foundation of Vicenza, which aims at the promotion and enhancement of the Via Romea Strata, a path of culture and faith. The Italian itinerary includes 800 kilometers in 44 stages, following the main route of this ancient road which goes from the Baltic Sea to the Italian capital of Christianity, Rome.
Don Raimondo Sinibaldi, president of AERS and of the Homo Viator-San Teobaldo Foundation of Vicenza, as well as the main proponent of this promotional project, explains: “The PPT is an initiative that aims at testing the path of the Via Romea Strata. Homo Viator-San Teobaldo Foundation has rediscovered, mapped, and georeferenced this ancient way of faith. Now it is time for making it alive again. There have already been individuals and groups of pilgrims who have walked and crossed it, but the PPT is a great organized event that wants to bring many more people on the route. This is why we are involving in the project lay and ecclesial associations, youth groups from Italy, but also from the European countries where the Via Romea Strata passes. All this thanks to the support of the local and ecclesial institutions, and of the reception facilities on the path. The Via Romea Strata is not only a route accessible on foot and by bicycle, but it represents also the desire to rediscover the areas that are not very frequented by traditional tourism. To follow the footsteps of ancient pilgrims also means having the opportunity to discover a great cultural heritage, because along its path there are churches, ancient monasteries, museums rich of faith and culture. It is also a spiritual heritage, because it preserves the memory of figures of great holiness, such as Saint Antonio in Padua, Sain Marco in Venice, Saint Giacomo in Pistoia, and many others”.

A cycling route
The path is not only for pilgrims and experienced walkers: even cyclists can travel the Via Romea Strata by bicycle, discovering its beauty on two wheels. The Homo Viator-San Teobaldo Foundation has established has created an incredible network, bringing together institutional and ecclesial entities and organizations. The protagonists of the PPT are also the volunteers, who lead the groups of pilgrims along the various stages of the route.

The extra mile
The initiative ended on June 27 in Rome, a fundamental destination for pilgrims, as it hosts the tombs of Saints Peter and Paul. The pilgrims were welcomed in the churchyard of St. Peter’s Basilica by the parish priest Father Agnello Stoia. But, like any self-respecting good pilgrimage, the Via Romea Strata also has its “Fenesterre”, that is, that extra destination that within Rome itself leads to discovering the 7 Churches that represent the 7 protagonist states of the Via Romea Strata. An artistic, spiritual and cultural journey away from the most famous monuments of the Eternal City, among its narrow streets and its most hidden streets. The event officially ended with the presentation of the Pilgramage Promotion Tour 2022 at the Maria Bambino Institute, in the Vatican. Aleksandra Valkenburg-Roelofs, Ambassador of the European Union to the Holy See, was also present. She said:”The Via Romea Strata provides its valuable contribution in strengthening the sense of belonging to the European Union and promoting its artistic and cultural heritage. This work, together with other projects such as Iter Europaeum, (www.itereuropaeum.eu), helps to strengthen the sense of belonging to the European Union, for an ever more solid future Pilgrims, coming from different European countries, invite all of us to reflect on their humanity, summarizing in a clear and blatant way the EU motto: united in diversity.” Regional Councilor Barbara Zilli representing Massimiliano Fedriga, president of the Autonomous Region of Friuli-Venezia Giulia, leader of the seven Italian regions crossed by the Via Romea Strata was also present; Monsignor Maurizio Bravi, representative of the Holy See at the World Tourism Organization and at the European Institute of Cultural Routes said: “The second pilgrimage to promote the Via Romea Strata ends in Rome. The choice of the Eternal City was very well chosen: Rome is the final destination of the Via Romea Strata and introduces this route to the Jubilee year 2025, the Holy Year. I hope that the future development of the Via Romea Strata can take place under the good auspices of this extraordinary event of Christianity and that it can be an invitation to all men and women of good will to start the journey, together! With an eye looking at Rome and also looking at the other traveling brothers and sisters, animated by the hope of the best good for the world”; and finally Aleksandra Grbić, coordinator of Romea Strata: “The maturity of the Via Romea Strata is perceived by the beauty and energy that the participants from all countries shared also in this last experience of the Pilgrimage Promotion Tour. We are on the right path and, despite all the difficulties of our particular historical period, we can only continue to grow, together.”

The end and the beginning
On 29 June, the solemnity of Saints Peter and Paul, the PPT 2022 ended with the Angelus, during which Pope Francis greeted the pilgrims who arrived in Rome along the Via Romea Strata in the footsteps of those who in past centuries wanted to reach the world capital of Christianity. This sultry morning at the end of June therefore marked the end of the 2022 edition of the Pilgramage Promotion Tour, but also the beginning of the promotion of this incredible route and pilgrimage for the next few years! Promotion that goes in parallel with the motto of the Jubilee year 2025: “pilgrims of hope”. These are the words with which the Church is preparing for the Jubilee in which the Eternal City will be its heart.

Silvia Donatiello

SCARICA GLI INTERVENTI DEI RELATORI – DOWNLOAD THE SPEAKERS’ SPEECHES :

Ambasciatrice Aleksandra Valkenburg-Roelofs

Ambasciatore Vaclava Kolaja

Monsignor Maurizio Bravi

Assessore Barbara Zilli

Iscriviti alla nostra newsletter!

Ti invieremo aggiornamenti sul cammino, news ed eventi che ti faranno conoscere la Romea sia che tu decida di percorrerla tutta, fare solo qualche tappa o innamorartene attraverso i nostri racconti.