DA SARIANO A STELLATA, TRAGHETTATI LUNGO IL PO

dal 28/05/2022 al 28/05/2022
Emilia Romagna - Veneto, Bondeno - Ficarolo - Sariano - Stellata

Quasi pronti per l’imbarco!

Sabato 28 maggio, i pellegrini del Pilgrimage Promotion Tour 2022, organizzato dall’Associazione Europea Romea Strata (AERS), avranno una piacevole sorpresa. Stop alla camminata per attraversare il Po sulla chiatta di Stefano Marca, soprannominato Sandokan, che è anche il nome della sua associazione di promozione sociale. All’attraversamento breve, ma spettacolare dal punto di vista naturalistico, il gruppo di circa venti pellegrini arriverà dopo aver percorso 19 chilometri di cammino (da Sariano, comune di Trecenta, provincia di Rovigo). Ci si imbarcherà alle 13.30 circa da Ficarolo (Rovigo), nel sud del Veneto, riva sinistra del Po, per arrivare sull’altra sponda, che è già in Emilia Romagna, a Stellata (Ferrara). Prima della partenza in barca, ci sarà un momento di accoglienza. Interverranno il sindaco di Ficarolo, Fabiano Pigaiani, e don Raimondo Sinibaldi, ideatore del progetto Romea Strata e presidente AERS. Il presbitero vicentino racconterà l’iniziativa Pilgrimage Promotion Tour, che in tre anni intende far percorrere l’intera via di cultura e fede Romea Strata: circa 4.000 chilometri da Tallinn, in Estonia, a Roma, capitale mondiale della cristianità, dove sono custoditi i corpi dei santi Pietro e Paolo. Sette stati attraversati (Estonia, Lettonia, Lituania, Repubblica Ceca, Polonia, Austria, Italia) e sette regioni italiane (Friuli Venezia Giulia, Veneto, Trentino Alto Adige, Lombardia, Emilia Romagna, Toscana, Lazio). Quest’anno, il PPT riguarda solo il tratto italiano, 800 chilometri, suddivisi in 44 tappe. Don Raimondo, inoltre, illustrerà il significato religioso dell’attraversamento del fiume, ma anche le difficoltà che questo comportava per i pellegrini, già provati dal lungo cammino, e intimoriti dalle acque. Ci sarà anche un riferimento alla Divina Commedia, omaggio a Dante, nei 700 anni dell’anniversario dalla morte. La Commedia rappresenta un pellegrinaggio nell’altro mondo, con un significato allegorico: si tratta dell’itinerario che l’uomo deve percorrere per sfuggire alle passioni terrene e arrivare all’illuminazione. In particolare, sarà citato Caronte, nocchiero dell’oltretomba di Greci, Etruschi e Romani, che trasporta oltre il fiume Acheronte le anime dei morti. Porterà i saluti anche Sandro Trombella, presidente del Gruppo Azione Locale (Gal) Delta del Po, associazione, partenariato pubblico-privato, costituitasi nel 1994 con l’obiettivo di realizzare iniziative a favore dello sviluppo del territorio e del turismo rurale del Polesine in provincia di Rovigo. Infine, Stefano Marca illustrerà la flora e la fauna del bacino del Po. Il momento di animazione si concluderà con la preghiera a san Teobaldo, pellegrino, eremita, morto nel 1066 nei pressi di Badia Polesine (Rovigo), luogo che lui amava per la presenza dell’antica abbazia Vangadizza, prima benedettina, poi camaldolese, eretta nel 954 d.C, dove viveva il suo padre spirituale. Per queste sue caratteristiche, san Teobaldo è stato scelto come testimone dei pellegrini nell’ambito del progetto Romea Strata. Non è un caso se la Fondazione, presieduta da don Raimondo, che ha riscoperto e mappato la via, si chiama Homo Viator-San Teobaldo.

L’attracco sulla riva destra, nella frazione Stellata, comune di Bondeno, vedrà l’accoglienza del sindaco Simone Saletti. “Dismesse” le barche, i pellegrini riprenderanno il cammino.

Romina Gobbo, comunicazione progetto Romea Strata

comunicazione@romeastrata.it

Iscriviti alla nostra newsletter!

Ti invieremo aggiornamenti sul cammino, news ed eventi che ti faranno conoscere la Romea sia che tu decida di percorrerla tutta, fare solo qualche tappa o innamorartene attraverso i nostri racconti.